Instagram

Da un progetto de La Compagnia dei Masnadieri

www.compagniadeimasnadieri.org

18b| Stagione 2022/23 VOLUME I


Orario spettacoli

Dal giovedì al sabato ore 20.30, domenica ore 18.

Biglietti

UNICO 18 euro, RIDOTTO 13 euro, tessera associativa 2 euro.

PASOLINI. 100 ANNI CORSARI DI UN ERETICO ITALIANO –
Un racconto teatrale cantato.

DAL 20 al 23 OTTOBRE
Di Federico Malvaldi, con Jacopo Bezzi Regia Massimo Roberto Beato

Pasolini visto da Pasolini stesso, attraverso le opere, le esperienze di vita e la morte, prematura e misteriosa. Un viaggio in profondità attraverso rivelazioni inedite, come gli scritti della raccolta postuma tenuti nascosti, come fossero una colpa, sempre sul punto di essere pubblicati ma inesorabilmente occultati al tenero e innocente animo della madre; racconti di uno scandaloso incontro estivo, un amore apparentemente fallito tra spiagge e balli pomeridiani. Canzoni (Amado mio, A Pa’, Una storia sbagliata), poesie, il tutto interpretato da un unico raccont-attore che porta in scena la straordinaria unicità dello scrittore a cento anni dalla sua nascita.

I FIORI DI MORO

DAL 27 al 30 OTTOBRE
Una produzione Piccola Città teatro di Chianelli e Conforti, con Ettore Nigro musiche dal vivo Francesco Capriello, scene Filippo Stasi regia Mario Autore

A parlare è Antonio Spiriticchio, il fioraio di stanza in via Fani che il giorno del sequestro di Aldo Moro non si trovò sul luogo di lavoro perché i terroristi la notte precedente avevano provveduto a forare le ruote del suo furgoncino, da cui ogni giorno vendeva i fiori, per impedirgli di essere presente nel luogo del rapimento, sbarazzandosi così di uno scomodo testimone. Il fioraio è quindi il simbolo di chi doveva esserci, e non c’è stato, a osservare da vicino uno degli episodi cruciali e più controversi della recente storia d’Italia; come ogni abitante, come tutto il paese. E così quel dover esserci e non esserci stato, diventa la metafora di una verità sepolta, di una realtà che sfuggì e sfugge ancora a chi aveva il diritto di sapere.

FREAK SHOW… E ci chiamano fenomeni da baraccone.

DAL 10 AL 20 NOVEMBRE
Di Massimo Roberto Beato con Simone Chiacchiararelli e Aron Tewelde Regia Jacopo Bezzi

La vera storia dei gemelli siamesi Tocci, uniti per la vita da una malformazione genetica e resi unici dalle esibizioni della loro “mostruosità”. Se fisicamente erano compromessi, dal punto di vista intellettivo probabilmente brillarono per spiccato acume, e impararono a parlare tre lingue oltre l’italiano riuscendo a interagire col pubblico in modo brillante e arguto. La loro tournee negli Stati Uniti, che inizialmente doveva durare un anno, fu poi estesa a cinque. Visto l’enorme successo e gli immensi guadagni, la famiglia Tocci rimase in giro con diversi circhi per molti anni. Una storia di umanità e di sofferenza, con uno sguardo ironico sulla ineluttabilità del destino e della vita.

NON è VERO – Bugiardino dell’essere

DAL 29 NOVEMBRE AL 4 DICEMBRE
Con Luigi Acunzo e Marzia Ercolani. Drammaturgia e regia Marzia Ercolani, assistente alla regia Chiara Candidi Un progetto Atto Nomade Teatro con il sostegno di Mujeres nel Teatro

“NON È VERO – Bugiardino dell’essere” è un atto unico che indaga la condizione della vecchiaia, di quel breve tempo che resta e di quel tempo infinito che è stato. Un uomo e una donna barricati nel loro reame, sospesi tra ricordi e vuoti di memoria, tra riti quotidiani e attesa, vivono la quotidiana guerra tra accettazione e negazione del presente, tra identità di oggi e identità di ieri, tra sogno e realtà, consegnando ai posteri le loro maschere da clown.

SCENA CON DELITTO

Dal 15 al 31 dicembre – SPECIALE CAPODANNO
Di Massimo Roberto Beato, con Jacopo Bezzi Regia di Massimo Roberto Beato

Torna il giallo di Natale in scena. Un giovane, sotto accusa per l’omicidio di una ex attrice di teatro che gli affittava una camera, viene giudicato in un processo e Hercule Poisson, che fa parte della giuria e lo ritiene innocente, si oppone agli altri giurati facendo così venir meno l’unanimità richiesta per il verdetto di condanna. Il processo dovrà perciò essere rifatto. Convinto che il vero colpevole si nasconda tra i membri di una compagnia teatrale (la stessa cui apparteneva la donna assassinata), Poisson, facendosi credere un’anziana attrice, ottiene una scrittura e inizia le sue indagini in un vecchio e decadente teatro.

SILENTTHEATRE ©

per un teatro visuale, immersivo, sonoro

Una nuova forma di teatro immersivo, una nuova esperienza per i nostri spettatori. Alcuni degli spettacoli della stagione permetteranno al nostro pubblico di immergersi, indossando delle speciali cuffie, in una straordinaria drammaturgia sonora composta di musiche, dialoghi segreti ed effetti audio binaurali.

18b|News

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi